Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TWANN BE - Una donna di 24 anni è stata travolta e uccisa da un motoscafo ieri sera sul lago di Bienne, mentre con un compagno si trovava a bordo di un canotto pneumatico poco lontano dall'isola di St. Pierre. La polizia è alla ricerca della persona alla guida del motoscafo, che ha continuato la sua rotta in direzione di Bienne senza prestare soccorso: secondo alcuni testimoni, avrebbe tra i 55 e i 65 anni e sarebbe parzialmente calvo.
L'uomo guidava un motoscafo di tipo "Boesch" o "Pedrazzini", un modello apparentemente poco usuale, ha detto oggi ai media a Twann (BE), sul lago di Bienne, la giudice istruttrice Silvia Hänzi. Sull'imbarcazione a motore sembra vi fossero altre due o tre persone, ha aggiunto, ma molte domande restano ancora senza risposta, ha precisato.
I due occupanti del gommone si sono gettati in acqua dopo aver inutilmente tentato di segnalare la loro presenza, agitando le braccia, al conducente del motoscafo che si dirigeva verso di loro ad alta velocità: l'uomo si è salvato, mentre la 24enne è stata investita e, secondo i primi elementi dell'indagine, è morta in seguito a una emorragia. I due giovani stavano ritornando da un picnic sull'isola di St. Pierre. La giudice istruttrice non ha voluto precisare da quale regione provenisse la coppia, invocando la protezione dei dati personali.
Non si può ancora dire se i due giovani sul gommone abbiano agito in modo imprudente, ha aggiunto da parte sua Michael Jungi, della polizia lacuale di Bienne.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS