Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo sceriffo che guida le indagini Joseph Lombardo

KEYSTONE/EPA/EUGENE GARCIA

(sda-ats)

La compagna del killer di Las Vegas non sapeva nulla circa i piani di Stephen Paddock di compiere un massacro. Lo ha affermato l'avvocato della donna che in queste ore è sotto interrogatorio dell'Fbi come indica l'Associated Press.

"Conoscevo Stephen Paddock come un uomo gentile e tranquillo. Lo amavo e speravo per un futuro tranquillo con lui. Non mi ha mai detto nulla o fatto qualcosa che mi facesse capire in alcun modo che qualcosa di orribile come questa sarebbe accaduta", ha dichiarato Marilou Danley al suo avvocato.

Frattanto, secondo lo sceriffo locale, Joseph Lombardo, Stephen Paddock avrebbe sparato per 10 minuti, dalle 22.05 alle 22.15, mentre due minuti dopo i primi due agenti sono arrivati al 32/mo piano dell'hotel da dove si era appostato.

Prima di entrare nella stanza, però, sono passati complessivamente 75 minuti per evacuare tutte le altre stanze e procedere con tutte le cautele del caso, dato che non si udivano più spari. Nell'auto dell'uomo sono stati trovati 1.600 caricatori di munizioni e diversi contenitori di un esplosivo usato comunemente al tiro al bersaglio per un totale di oltre 22 kg.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS