Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Le differenze salariali fra donne e uomini aumentano per la prima volta dal 1996. Lo scarto è salito infatti dal 18,9% del 2006 al 19,3% del 2008, stando agli ultimi dati pubblicati dall'Ufficio federale di statistica (UST). Queste discriminazioni riguardano circa il 40% dei casi e sono più frequenti nel settore privato.
Dal 1996, data dell'entrata in vigore della Legge federale sull'uguaglianua fra donne e uomini, le differenze salariali erano progressivamente diminuite fino al 2006. Nel 2008 nel settore privato lo scarto è salito al 19,4%, contro il 19,1% nel 2006. Il salario medio delle donne era di 4997 franchi, mentre per gli uomini di 6189 franchi.
Fra i dipendenti della Confederazione invece le differenze sono rimaste stabili al 12,9%. Il reddito delle funzionarie era in media di 6357 franchi, contro 7300 franchi per i colleghi maschi. Le disuguaglianze sono più marcate per gli impiegati dei cantoni: 17,4% nel 2008, contro 18,8 nel 2006. Le donne hanno guadagano mediamente 6884 franchi, gli uomini 8333 franchi. A livello comunale la differenza è stata dell'8,9%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS