Navigation

Le indennità per Daniel Vasella criticate

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 febbraio 2013 - 20:58
(Keystone-ATS)

I 72 milioni di franchi di indennità di partenza per l'ex-patron di Novartis Daniel Vasella hanno avuto l'effetto di una bomba negli ambienti economici e politici. Il presidente di economiesuisse Rudolf Wehrli e il consigliere federale Johann Schneider-Ammann si sono mostrati critici, a due settimane dalla votazione sulle retribuzioni abusive.

"Capisco che tutti siano scandalizzati e lo sono anch'io", ha dichiarato all'ats Rudolf Wehrli. "Simili indennità e salari sono una vera provocazione, anche per gli oppositori dell'iniziativa Minder." Il controprogetto introdurrebbe una regolamentazione per evitare simili derive, ha aggiunto.

Neppure il consigliere federale Johann Schneider-Ammann approva le indennità versate a Daniel Vasella. "È una brutta situazione", ha detto al telegiornale della Svizzera tedesca. Il popolo svizzero però non dovrà fare l'errore di "gettare via il bambino con l'acqua sporca" il 3 marzo, ha aggiunto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.