Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La candidata del Front national alle presidenziali francesi Marine Le Pen.

KEYSTONE/AP/MICHEL EULER

(sda-ats)

"Chiuderò le moschee radicali, espellerò i predicatori dell'odio", "distruggerò quei vivai del fanatismo che sono diventate le banlieue di Francia".

Lo ha detto ieri sera la candidata presidenziale del Fronte Nazionale, Marine Le Pen, al comizio finale della sua campagna elettorale a Marsiglia.

E ancora: "Dobbiamo espellere gli stranieri schedati S", vale a dire gli individui radicalizzati, oltre che "revocare loro" la cittadinanza, come "non ha fatto il presidente (François) Hollande". "Il terrorismo non è una fatalità, i mezzi ci sono, sono portata di mano, ma nessuno vuole utilizzarli".

Quindi, Marine Le Pen ha promesso di ripristinare le frontiere e porre fine allo "scolapasta" di Schengen. "Guardata Anis Amri, il terrorista di Berlino, ha giocato al gatto e la volpe, beffando le polizie di tutta Europa, Germania, Paesi Bassi, Belgio, Francia, Italia, non è infiltrazione...è turismo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS