Navigation

Lega, inchieste in varie città

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 aprile 2012 - 14:47
(Keystone-ATS)

Dopo quelle di Milano, Napoli, Reggio Calabria e Bologna, anche la procura di Genova ha aperto un'inchiesta sulla Lega Nord. Lo ha indicato oggi il procuratore capo, Michele Di Lecce, precisando che a Genova è stato aperto un fascicolo su un presunto versamento di 40mila euro da parte dell'ex tesoriere del partito, Francesco Belsito, al segretario regionale ligure della Lega Francesco Bruzzone.

Il passaggio di denaro era stato confermato nei giorni scorsi dallo stesso Bruzzone. Bruzzone ha già reso nota l' intenzione di non ricandidarsi alla segreteria del partito.

In precedenza, era stata diffusa la notizia dell'apertura di un'indagine conoscitiva anche a Bologna. Il procuratore aggiunto Valter Giovannini si è attivato dopo denunce fatte da alcuni ex esponenti bolognesi del partito.

In particolare, saranno vagliate le dichiarazioni di Carla Rusticelli, ex tesoriera del Carroccio, espulsa nel 2009, che sulla stampa locale ha parlato di irregolarità nei bilanci e di pagamenti in nero. La Rusticelli ha detto anche di essere pronta a riferire alla procura ciò di cui è a conoscenza.

Frattanto, i triumviri della Lega Nord avrebbero raggiunto un accordo secondo il quale questa sera a Bergamo alla manifestazione "L'orgoglio padano" parlerà solo Roberto Maroni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?