Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo scorso anno i contributi forniti dalla cosiddetta "legge sul cioccolato" sono ammontati a circa 95 milioni di franchi. Oltre due terzi sono andati a quattro gruppi industriali.

È quanto emerge da un elenco dell'Amministrazione federale delle dogane che mostra nel dettaglio come i contributi del 2016 sono stati suddivisi su circa 80 aziende. La lista, di cui l'ats possiede una copia, conferma informazioni pubblicate oggi dai quotidiani svizzeri tedeschi "Luzerner Zeitung" e "St. Galler Tagblatt".

Quasi un terzo dei contributi (33,7 milioni di franchi) è stato versato a Nestlé. Il gruppo alimentare Mondelese produttore del Toblerone ha ottenuto 17,3 milioni di franchi, il trasformatore di latte Hochdorf 12,2 milioni e Lindt & Sprüngli 7 milioni. Oltre una settantina di aziende si sono suddivise i restanti 24 milioni.

La "legge sul cioccolato", che permette di sostenere queste esportazioni, è stata introdotta nel 1974. Nel dicembre 2015 l'Organizzazione mondiale del commercio (WTO) ha chiesto, e ottenuto, la sua soppressione entro il 2020.

La soluzione proposta dal Consiglio federale per rimpiazzarla prevede sovvenzioni per latte e cereali distribuite direttamente ai produttori e non più ai trasformatori. In consultazione il progetto ha suscitato malcontento, soprattutto tra gli agricoltori che ritengono insufficienti le compensazioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS