Navigation

Lettonia: ex banchiere è nuovo presidente

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 giugno 2011 - 17:43
(Keystone-ATS)

Il presidente lettone uscente Valdis Zatlers ha fallito nella tentata rielezione a capo dello Stato: il parlamento gli ha preferito l'ex banchiere Andris Berzins eletto dall'assemblea con 53 voti a favore e 41 contrari, secondo i risultati ufficiali.

Zatlers, 56 anni, il cui mandato sarebbe scaduto il 7 luglio prossimo, si era in effetti inimicato una parte dei parlamentari chiedendo lo scorso sabato lo scioglimento del parlamento, un gesto volto a responsabilizzare i parlamentari dopo aver ricevuto un rifiuto dalla Camera alla richiesta di revocare l'immunità per un deputato sospettato di corruzione, una piaga che affligge il paese baltico di 2,2 milioni di abitanti.

Secondo la Costituzione lettone, che conferisce al presidente un ruolo essenzialmente istituzionale, la richiesta dell'ormai ex presidente sarà oggetto di un referendum nazionale il 23 luglio prossimo. La sua approvazione, altamente probabile secondo gli analisti, porterà ad elezioni legislative anticipate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?