Navigation

Lettonia: incubo sul ghiaccio, 220 persone alla deriva

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2013 - 21:32
(Keystone-ATS)

Per molte famiglie lettoni la gita per pescare sul ghiaccio il primo giorno delle vacanze di Pasqua poteva diventare una tragedia. La crosta di ghiaccio su cui si trovavano circa 220 persone si è improvvisamente spaccata andando alla deriva nel Baltico. Ma l'avventura è stata a lieto fine: tutti sono stati salvati e riportati a terra ferma a tempo record, evitando ipotermie, congelamenti e annegamenti.

Sul ghiaccio che li stava portando sempre più al largo nel Golfo di Riga, pescatori e famiglie hanno immediatamente lanciato l'allarme. I soccorritori si sono trovati di fronte al caos, perché c'erano due banchine di ghiaccio staccatesi contemporaneamente in due località differenti. La prima a Vakarbulli, a nord di Riga, con 180 persone, soprattutto pescatori. La seconda, con una quarantina di persone a Majori, ad est della capitale lettone. In un primo momento le autorità avevano parlato di ben 500 persone alla deriva.

In un paio d'ore, le correnti hanno portato il blocco con 180 persone a quattro chilometri dalla costa: impossibile da raggiungere con le barche in dotazione per recuperare i pescatori che spesso restano bloccati nell'acqua ghiacciata.

È stato subito chiaro che le attrezzature di soccorso normali non potevano bastare ed è quindi stata avviata un'operazione per cui si è mobilitato il ministro della difesa lettone in persona, Artis Pabriks, che ha dato ordine di usare elicotteri e navi della Marina. Un'operazione da manuale: secondo quanto ha riferito la radio, solo una persona ha avuto bisogno di assistenza medica.

Le autorità lettoni, proprio in occasione delle vacanze pasquali, avevano invitato la popolazione a non andare sul mare ghiacciato: al disgelo, avevano avvertito, se c'è il sole bastano pochi attimi perché il ghiaccio si rompa. La pesca sul ghiaccio è però una delle attività invernali più amate e diffuse nei Paesi baltici, e ogni anno fa diverse vittime.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.