Navigation

Leuthard, a Stadler Rail riceverà 90'000 franchi

La Confederazione non influenza gli ordini delle FFS, dice Leuthard. KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2019 - 18:45
(Keystone-ATS)

L'ex consigliera federale Doris Leuthard incasserà 90'000 franchi all'anno per sedere nel consiglio di amministrazione (Cda) del fabbricante ferroviario turgoviese Stadler Rail, rivela oggi il SonntagsBlick.

In dichiarazioni riportate dal domenicale l'ex ministra dei trasporti (2010-2018) dice di aver ricevuto anche altre offerte più lucrative, ma di aver optato per la società di Bussnang (TG) "in quanto unico costruttore di treni elvetico e fantastica azienda che crea molti posti di lavoro".

Per questo suo futuro impegno - dovrebbe essere eletta dall'assemblea degli azionisti il 30 aprile 2020 - Leuthard si trova a subire critiche. Per esempio quelle di Peter Kunz, professore di diritto economico all'università di Berna: l'ex consigliera federale PPD era infatti attiva proprio nel settore d'attività di Stadler Rail, ricorda Kunz sul SonntagsBlick.

"Il signor professore non sa, a quanto sembra, che la Confederazione non acquista alcun treno e che non può influenzare questi ordini", afferma l'interessata in una presa di posizione inviata al giornale. "Il Dipartimento dei trasporti è competente per l'infrastruttura ferroviaria", aggiunge. "E a livello internazionale tutti i consiglieri federali sostengono le nostre imprese".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.