Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Attenti a mettere in dubbio il servizio pubblico della SRG SSR, rischiate di dover rinunciare allo sport in televisione: il monito arriva dalla consigliera federale Doris Leuthard.

In vista del voto del 14 giugno sull'estensione del canone radio-televisivo la ministra si rivolge agli appassionati di calcio, disco su ghiaccio e automobilismo.

"Se si procede come vogliono i critici ne andrà probabilmente di mezzo lo sport", afferma la responsabile del Dipartimento ambiente, trasporti, energia e comunicazioni in un'intervista pubblicata oggi dal "Blick". "Dopo si dovrà pagare per la Super League, la Formula 1 o il campionato mondiale di hockey", aggiunge. "Anche il fatto che la SRG SSR offre gli incontri delle nostre stelle del tennis è un caso eccezionale in Europa".

Sempre secondo la consigliera federale PPD, Hans-Ulrich Bigler - il direttore dell'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) che ha lanciato il referendum contro la modifica della legge radiotelevisiva - vuole stralciare dai programmi le partite della Champions League: la conseguenza sarebbe in tal caso che i tifosi di calcio dovrebbero pagare separatamente per vedere gli incontri. "In Germania un abbonamento sportivo con Champions League e Bundesliga costa oltre 720 franchi all'anno", mette in guardia Leuthard.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS