Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La presidente della Confederazione Doris Leuthard afferma che è fuori questione recarsi in un Paese che non rispetta le donne o portare il velo.

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

La presidente della Confederazione Doris Leuthard afferma che è fuori questione recarsi in un Paese che non rispetta le donne o portare il velo, questo "per principio".

Lo si legge nell'edizione speciale del quotidiano romando "Le Temps" pubblicata oggi e destinata alla festa della donna che ricorrerà l'8 marzo.

"A livello politico, voglio essere rispettata come persona e non discriminata a causa del mio sesso", ha spiegato la consigliera federale. "Non visito gli Stati che non rispettano le donne. Sono stata in Arabia saudita, ma in tenuta normale. Se ciò non fosse possibile non ci andrei".

L'ex ministra degli affari esteri Micheline Calmy-Rey aveva sollevato una valanga di critiche quando aveva indossato un foulard che copriva una parte dei capelli durante un viaggio in Iran nel 2008. L'ex first lady americana Michelle Obama aveva invece rifiutato di velarsi durante una visita in Arabia saudita.

"Ogni volta che posso difendere l'interesse delle donne, lo faccio", ha sottolineato la ministra PPD. A suo avviso, bisogna essere "fiere delle nostre competenze e delle nostre differenze".

Questa edizione speciale del giornale, intitolata "Les femmes font Le Temps", è stata scritta da una quarantina di donne, responsabili d'impresa, politiche, avvocatesse, artiste o universitarie. Hanno avuto carta bianca per parlare di temi che "le interessano, le coinvolgono o le fanno riflettere", scrive il quotidiano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS