Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La ministra svizzera per i media Doris Leuthard invita gli editori ticinesi e svizzerotedeschi a negoziare con i sindacati un contratto collettivo di lavoro (CCL). In Svizzera romanda è già in vigore un CCL.

Il Consiglio federale non intende immischiarsi direttamente in tale questione.

"Ma mi auguro che gli editori siano pronti a dialogare", ha dichiarato Leuthard in un'intervista pubblicata oggi dalla "Nordwestschweiz". La ministra valuta che la qualità della stampa sarebbe superiore con un CCL.

I giornalisti "non sono diventati meno bravi", relativizza Leuthard. Ma subiscono grandi pressioni di tempo e costi, a suo avviso. "Non è sorprendente che, a volte, i giornalisti si copino l'un l'altro".

Questo tipo di giornalismo è "chiaramente aumentato" la domenica nei media online. Gli editori devono chiedersi quale livello di qualità vogliono. È in gioco la credibilità dei loro prodotti, sottolinea l'argoviese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS