Navigation

Libano: banche rimangono chiuse, cresce tensione sociale

Le banche in Libano rimangono chiuse KEYSTONE/AP/BILAL HUSSEIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2019 - 15:44
(Keystone-ATS)

Tutte le filiali delle banche libanesi rimangono chiuse anche domani e fino a data da definire.

Lo ha annunciato oggi l'associazione degli istituti di credito del Libano, affermando di non poter riaprire fino a quando le autorità non presenteranno un piano di sicurezza per proteggere le filiali e gli impiegati da eventuali incidenti.

Da quando sono cominciate le proteste anti-governative nel paese, le banche sono rimaste chiuse per due settimane consecutive. Hanno poi riaperto per alcuni giorni e hanno di nuovo chiuso i battenti una settimana fa: prima, prolungando di un giorno una festività religiosa e, poi, a causa di uno sciopero proclamato dagli impiegati bancari intimoriti dal deterioramento delle condizioni di sicurezza.

Nell'unica settimana di apertura ai primi di novembre, i correntisti hanno affollato gli sportelli e hanno cominciato a ritirare danaro, in dollari, dai loro conti. Le banche avevano già imposto a settembre un razionamento della distribuzione del dollaro ai correntisti. Alla luce di questa nuova prolungata chiusura cresce la tensione sociale ed economica visto che cominciano a scarseggiare i risparmi nelle tasche dei clienti delle banche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.