Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nella lotta agli abusi delle assicurazioni sociali in relazione alla libera circolazione delle persone il consiglio federale condivide molti suggerimenti dalla Commissione della gestione del Consiglio Nazionale (CdG-N) e li ha inseriti nel suo progetto messo in consultazione fino ad ottobre. Per altre raccomandazioni della CdG-N si attendono invece gli sviluppi legati all'applicazione del nuovo articolo costituzionale volto a limitare l'immigrazione (iniziativa UDC contro l'immigrazione di massa), indica una nota odierna dell'Ufficio federale della migrazione.

I provvedimenti governativi riguardano soprattutto quei lavoratori Ue/Aels attivi in Svizzera che perdono il lavoro. Il Consiglio federale propone quindi alcune modifiche legislative che stabiliscono a quali condizioni potrà essere revocato loro il diritto di soggiorno. Simili cambiamenti dovrebbero permettere di uniformare a livello cantonale la prassi attuale, diversa da cantone a cantone, appianando così i problemi di interpretazione in merito all'applicazione dell'Accordo sulla libera circolazione.

Nella nota dell'UFM si precisa inoltre che i "cittadini UE-AELS che entrano in Svizzera unicamente per cercare un impiego sono ad esempio espressamente esclusi dall'aiuto sociale".

In gennaio, il Consiglio federale aveva già stabilito che i cittadini Ue in cerca di lavoro in Svizzera non hanno diritto all'aiuto sociale. Le disposizioni poste in consultazione fino al 22 ottobre riguardano i titolari di permessi soggiorno di breve durata (L, fino a un anno) e di dimora (B, 5 anni) che perdono il lavoro.

Le nuove regole prevedono inoltre, come chiesto dalla CdG-N, lo scambio automatico di informazioni tra le competenti autorità cantonali in merito al versamento di prestazioni complementari. Le autorità cantonali della migrazione saranno informate se uno straniero senza attività lucrativa percepisce prestazioni complementari e dovranno a loro volta informare i servizi responsabili delle prestazioni complementari se revocano e non prorogano un permesso di dimora.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS