Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Immagine d'archivio.

KEYSTONE/AP/Angelo Carconi

(sda-ats)

È morto trascinato in mare da un'onda anomala mentre era sugli scogli del porticciolo di San Giovanni Li Cuti a Catania, Ignazio Scarivilli, il medico ortopedico di 71 anni che lo scorso anno era stato sequestrato per sei mesi in Libia.

La notizia è stata confermata dal fratello dell'uomo alla polizia di Stato, intervenuta sul posto.

La tragedia è avvenuta nel tardo pomeriggio di oggi nel porticciolo che si trova in città. L'uomo, secondo diverse testimonianze, era sugli scogli quando una violenta onda l'ha travolto trascinandolo in mare. È stato subito soccorso, ma è deceduto. Non è chiaro, ancora, se per annegamento o per trauma cranico.

Il medico ortopedico era stato sequestrato il 6 gennaio del 2015 da forze vicine allo stato islamico in Libia dove si era recato per essere utile. Era un appassionato del suo lavoro di chirurgo ortopedico specializzato in interventi sulla mano e riabilitazione. Era partito, assieme ad altri tre colleghi siciliani, prima di Natale per dare il proprio contributo all'ospedale di Dar Al Wafa, nella zona di Suq Talat. Era stato liberato il 9 giugno del 2015 con il concorso delle autorità di Tripoli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS