Navigation

Libia: Belhaj, voglio scuse da Usa e Gb per mia "rendition"

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 settembre 2011 - 13:35
(Keystone-ATS)

Abdel Hakim Belhaj, uno dei capi militari degli insorti libici accusato di avere avuto legami con al-Qaida, smentiti dall'interessato, vuole le scuse di Gran Bretagna e Usa, dopo la scoperta di documenti dei servizi segreti ritrovati a Tripoli che indicherebbero un coinvolgimento della Cia e del MI6 nel suo arresto a Bangkok e la sua consegna alla Libia nel 2004.

"Quello che mi è successo - ha detto Belhaj alla Bbc, spiegando di essere stato torturato dal regime nelle carceri libiche - è illegale e merita delle scuse."

Nei giorni scorsi hanno iniziato a emergere numerosi documenti segreti, ritrovati negli edifici governativi di Tripoli, che proverebbero vari episodi di collaborazione tra i servizi segreti occidentali, in particolare di Stati Uniti e Gran Bretagna, e quelli di Gheddafi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?