Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I comitati rivoluzionari libici, pilastro del regime di Muhammar Gheddafi, paventano oggi una risposta "violenta e fulminante" nei confronti degli "avventurieri" che dimostrano, e affermano che qualsiasi tentativo di "superare i limiti" sarà un "suicidio".

"La risposta del popolo e dei comitati rivoluzionari all'avventura di questi gruppuscoli sarà violenta e fulminante", si legge sul sito web dei comitati.

"Il potere del popolo, la Jamahiriya, la rivoluzione e il leader (Gheddafi) costituiscono delle linee rosse. Chi tenterà di oltrepassarle si avvicinerà al rischio di suicidio e giocherà con il fuoco". In sostanza, i comitati dichiarano 'intoccabili' il leader Gheddafi, l'integrità territoriale, l'islam e la sicurezza del Paese.

I comitati accusano poi Al Jazira di fomentare i disordini in un Paese in cui, da quando Gheddafi è al potere, "sono state compiute enormi realizzazioni. Gheddafi "è il solo leader del mondo che ha rifiutato di essere presidente, re o imperatore, e ha lasciato il potere al popolo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS