Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Violenti scontri sono in corso sul Golfo di Sirte, in Libia, tra l'esercito regolare libico e una milizia islamica della coalizione "Fajr Libya": lo riferiscono media locali citando una fonte ufficiale che annuncia 34 morti e 48 feriti tra i miliziani.

Il portavoce dello Stato maggiore delle forze armate, il colonnello Ahmed el-Mesmari, ha precisato che gli scontri con le milizie Fajr dell'operazione "Shorouk" sono in corso nei pressi di Ben Jawad con l'uso anche di razzi e di aerei.

Dal canto suo il portavoce delle guardie dei vicini terminal petroliferi di As-Sidr e Ras Lanuf (a 30 km) ha annunciato che negli scontri a Ben Jawad sono morti due capi delle potenti milizie di Misurata, Khaled Abdel Karim Zoubi e Mohamed Ali al-Sharkassi.

In mattinata il portavoce dell'esercito, Mesmari, aveva riferito di un altro "importante attacco" portato contro gli integralisti a Sidi Khaled, in Cirenaica (est), nei pressi di Derna (dove lo Stato slamico ha instaurato un califfato): il bilancio degli scontri avvenuti ieri pomeriggio, secondo la fonte, è di oltre 30 islamisti uccisi e decine feriti. L'esercito del governo riconosciuto internazionalmente e insediato a Tobruk ha perso 11 uomini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS