Navigation

Libia: Gheddafi rivolta farsa cui porre fine

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 febbraio 2011 - 15:58
(Keystone-ATS)

"Bin Laden ha distribuito delle pillole stupefacenti e droghe agli abitanti di Zawya per combattere contro il nostro caro Paese": ha detto oggi in diretta tv il leader libico Muammar Gheddafi rivolgendosi agli abitanti di Zawya, a ovest di Tripoli, cittadina dove sono in corso scontri tra lealisti e rivoltosi.

"Se volete questo caos siete liberi. E se volete continuare a combattere fra loro, continuate pure", ha aggiunto. "Questa gente non ha richieste. Le loro richieste vengono dettate da Bin Laden. I vostri figli sono manipolati da Bin Laden", ha aggiunto.

"Quel che sta accadendo a Zawia è una commedia: gli uomini di Bin Laden hanno distribuito le droghe nell'acqua, nello yogurth, nel cibo agli abitanti, che armati stanno devastando la città", ha aggiunto Gheddafi.

La rivolta in Libia "è una farsa a cui dovremmo porre fine, una farsa portata avanti dai giovani" che "vengono manipolati anche attraverso l'uso di droghe".

Il leader libico Muammar Gheddafi ha offerto oggi in diretta tv anche le condoglianze alle famiglie degli ufficiali e degli uomini della sicurezza lealisti morti durante gli scontri contro i rivoltosi anti-regime.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?