Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tripoli è ripiombata nel caos più totale. Intense sparatorie fra gruppi di miliziani rivali hanno scosso dall'inizio della serata di ieri fino a notte fonda il centro della capitale libica proprio come accaduto solo 48 ore prima. Sul terreno, hanno riferito fonti mediche, si contano almeno un morto e dozzine di feriti, tra i quali una donna.

Testimoni raccontano all'agenzia ANSA che sono stati usati razzi anti-aerei e granate. Le stesse fonti riferiscono di automobili abbandonate in mezzo alle strade del centro da persone terrorizzate che fuggivano a piedi in cerca di una via di fuga o nell'estremo tentativo di raggiungere un riparo.

Il traffico in città è letteralmente andato in tilt. Inizialmente in molti hanno pensato che si trattasse di semplici fuochi d'artificio, ma in breve il cielo si è riempito di scie luminose e ci si è resi conto, dai segni evidenti dei proiettili, di essere nel mezzo di una vera e propria "guerriglia urbana".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS