Navigation

Libia: H.Clinton, no a violenze, rispetto diritti umani

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 febbraio 2011 - 21:04
(Keystone-ATS)

Gli Stati Uniti condannano le violenze in Libia e chiedono il rispetto assoluto dei diritti umani e una transizione senza violenza verso la democrazia. Lo ha detto la segretaria di Stato americana, Hillary Clinton.

Gli Stati Uniti seguono "molto allarmati" l'evolversi della situazione in Libia, e ritengono "totalmente inaccettabile" la violenza, ha detto la Clinton.

Gli Stati Uniti "faranno i passi appropriati" per quanto riguarda la Libia, in accordo con la comunità internazionale, "per far rispettare i diritti umani" in Libia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.