Navigation

Libia: infuria battaglia Brega, Muammar Gheddafi non molla

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 luglio 2011 - 21:26
(Keystone-ATS)

In Libia continua l'offensiva degli insorti che, forti del riconoscimento della comunità internazionale, premono sull'importante porto petrolifero di Brega, mentre si continua a combattere anche sulla zona montagnosa ad ovest del Paese, in attesa che l'inviato dell'Onu presenti nei prossimi giorni la sua proposta politica.

Intanto in un nuovo messaggio audio il leader libico Muammar Gheddafi questa sera risponde picche ai numerosi appelli da parte della comunità internazionale a lasciare il potere. Il rais ha giurato che non lascerà "mai" la terrà dei suoi "antenati".

"Mi chiedono di lasciare (la Libia, ndr), è ridicolo. Non lascerò la terra dei miei antenati, né tantomeno il popolo che si è sacrificato per me", ha detto il Colonnello in un messaggio audio, diffuso dagli altoparlanti a migliaia di libici, riuniti a Zawiya, a 50 km a ovest di Tripoli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?