Navigation

Libia: medici a Bengasi, torturati soldati che disertano

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 febbraio 2011 - 18:33
(Keystone-ATS)

Orecchie e nasi mozzati per i soldati libici che hanno disertato e che hanno armato in queste ultime ore i rivoltosi a Bengasi. Come raccontano all'ANSA due medici libici (Hassan, ortopedico che ha studiato ad Ancona, e Alì, anestesista che ha studiato a Bari), entrambi in servizio all'ospedale di Bengasi, solo oggi sono 17 i militari torturati e giunti in fin di vita al pronto soccorso, dove sono morti poco dopo il ricovero.

I due medici - contattati al telefono tramite un collega che lavora all'ospedale di Aosta - raccontano inoltre di una "situazione drammatica" e di "un'emergenza sanitaria dovuta all'esaurimento delle scorte di medicinali e alla mancanza di posti letto".

In pronto soccorso, inoltre, continuano ad arrivare "corpi dilaniati di uomini colpiti da razzi o da mortai". Il bilancio dei morti dopo il ricovero in ospedale - secondo i due medici - ha superato quota 400 da giovedì.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?