Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La nave turca "Tuna-1", bombardata ieri sera al largo delle coste libiche, arriverà domani in Turchia. Lo riferiscono media locali. L'approdo è atteso entro 24 ore al porto di Fethiye, sulla costa egea meridionale.

Scortata dalla marina militare turca, che l'avrebbe raggiunta 5 ore dopo l'attacco, la nave risulta al momento in navigazione nonostante i danni subiti nel corso dell'attacco, in cui un ufficiale ha perso la vita e altri membri dell'equipaggio sono rimasti feriti.

A bordo della "Tuna-1" ci sono 8 cittadini turchi, 6 georgiani e 1 azero. Secondo il racconto del capitano Unal Bilici, citato dai media turchi, in un primo momento Grecia, Malta e Francia avrebbero risposto al segnale di sos lanciato dalla nave a seguito dei bombardamenti via terra. Circa dieci minuti dopo la "Tuna-1" sarebbe stata oggetto di altri due attacchi, stavolta da parte dell'aviazione libica.

Per il ministero degli Esteri turco la nave si trovava in acque internazionali, mentre secondo fonti del governo riconosciuto di Tobruk avrebbe cercato di violare l'embargo sulla fornitura di armi alla città di Derna, controllata dall'Isis.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS