Navigation

Libia: Onu, finora 16 mila profughi verso Italia e Malta

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2011 - 17:47
(Keystone-ATS)

Sono circa 16 mila le persone che sono giunte (o hanno tentato di sbarcare) sulle coste dell'Italia e di Malta dall'inizio della crisi in Libia. Lo ha indicato oggi a New York Lynn Pascoe, il responsabile del dipartimento per gli affari politici delle Nazioni Unite. Durante una riunione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, Pascoe ha fatto il punto sulla situazione libica.

Al 23 giugno, 1,1 milioni di persone hanno invece lasciato il Paese via terra verso altri paesi africani: Tunisia, Egitto, Niger, Algeria, Ciad e Sudan. Pascoe ha sottolineato che circa "3 mila presone rimangono bloccate ai confini egiziani, tunisini e del Niger", aggiungendo però che "mano a mano che l'opposizione prende il controllo di alcuni centri abitati, ci arrivano notizie di lavoratori migranti che ritornano" in Libia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?