Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il primo ministro libico Ali Zeidan ha annunciato oggi l'avvio di un dialogo nazionale globale su questioni che vanno dalla riconciliazione nazionale al disarmo, mentre la mancanza di sicurezza continua a rimanere un enorme problema nel dopoguerra della Libia.

"Si tratta di formare una commissione di personalità della società civile libica - ha spiegato Zeidan in conferenza stampa - che cominceranno a discutere della futura Costituzione, di riconciliazione nazionale, di sfollati e profughi, di disarmo e di sicurezza". Ciò, ha aggiunto, con il sostegno della Missione delle Nazioni Unite in Libia, e in piena autonomia rispetto al governo e al Congresso generale nazionale locali.

Dal canto suo il capo della Missione Onu, Tarek Metri, ha spiegato che "questo dialogo permetterà di risolvere le divergenze tra i libici nel loro ambito e di chiarire le diversità della società libica" proprio per recuperare l'identità nazionale del Paese.

Da più giorni sia nell'ovest che nell'est del Paese si verificano scontri e disordini tra tribù, come pure tra gruppi ostili al governo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS