Navigation

Libia: pronti in Turchia 1600 mercenari siriani

Oltre 1600 combattenti mercenari siriani sono nei campi di addestramento turchi in attesa di essere inviati in Libia per combattere a fianco delle forze di Fayez al-Sarraj contro l'offensiva del generale Khalifa Haftar. KEYSTONE/EPA/MURSEL COBAN / DEPO PHOTOS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 dicembre 2019 - 14:56
(Keystone-ATS)

È salito a oltre 1600 il numero dei combattenti mercenari siriani trasferiti in campi di addestramento turchi in attesa di essere inviati in Libia per combattere a fianco delle forze di Fayez al-Sarraj contro l'offensiva del generale Khalifa Haftar.

Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani, che fino a ieri aveva parlato di 900-1000 miliziani nei campi turchi e 300 già arrivati a Tripoli.

Secondo le fonti citate dall'ong, i combattenti farebbero parte delle milizie del Sultano Murat e di Suleyman Shah e della Divisione al-Mu'tasim, fedeli ad Ankara. Sarebbero giunti dall'area di Afrin, l'ex enclave curda nel nord della Siria conquistata dalla Turchia nel 2018 proprio con l'aiuto dei miliziani locali.

Le autorità di Ankara non hanno fornito alcun riscontro ufficiale all'operazione. Il Parlamento turco, convocato in sessione straordinaria, voterà giovedì la mozione che autorizza l'invio dell'esercito in Libia a sostegno di Sarraj.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.