Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Libia ha deciso di rafforzare le misure di sicurezza nei siti petroliferi del paese dopo la strage di ostaggi nel sito di In Amenas, in Algeria, e l'intervento militare francese in Mali. Lo hanno riferito fonti dei servizi di sicurezza.

"La Guardia delle installazioni petrolifere è stata ufficialmente incaricata di proteggere i campi petroliferi situati al confine con la Tunisia, l'Algeria e il Niger", ha dichiarato il colonnello Ahmed al-Khalifa Khabachi citato dall'agenzia Lana.

Secondo l'ufficiale, il personale di sicurezza è stato aumentato sia all'interno, sia all'esterno dei campi petroliferi per far fronte a qualsiasi minaccia. Secondo un comunicato, i servizi di sicurezza libici hanno annunciato un aumento delle pattuglie su siti e giacimenti petroliferi e la creazione di una cellula di coordinamento delle operazioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS