Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Occorre fermare ora il bagno di sangue e impedire la guerra civile", lo ha detto il capo del Comitato per il dialogo in Libia, Bashir Ali Tammani. "Se dicessi che non è vero che si combatte e che non sta scorrendo il sangue mentirei" ha affermato il capo del Consiglio costituito dai rappresentanti delle tribù per risolvere la crisi in atto nel paese.

"Fino a poco tempo fa questa era una nazione sicura, senza tribù o gruppi divisi, ma una sola famiglia", ha aggiunto il capo del Consiglio.

Secondo il comitato, che precisa di non rappresentare lo stato libico ma il popolo, la crisi nel paese è originata da tre grandi gruppi: "c'è chi ha legittime richieste e con loro stiamo parlando. Ma c'è anche un movimento armato che si è fatto trascinare nella violenza da un gruppo meno consistente che punta alla divisione del paese", ha sottolineato Tammani.

Il comitato rinnova poi l'offerta agli insorti: "Lasciate le armi e vi accoglieremo a braccia aperte. Ma chi vuole o auspica l'intervento straniero di fatto si pone al di fuori della Nazione".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS