Navigation

Libia: ribelli, respinto attacco a Misurata

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giugno 2011 - 18:38
(Keystone-ATS)

I ribelli anti-Gheddafi hanno respinto un attacco in forze delle truppe del rais a Misurata: lo riferisce il corrispondente del Guardian nella città martire, citando fonti dei ribelli.

Il bombardamento, con razzi e artiglieria, "è iniziato alle 5 del mattino", racconta uno dei ribelli feriti nei combattimenti nelle strade della città.

Il bombardamento, scrive il corrispondente del Guardian, è andato avanti fino al primo pomeriggio, con gli echi delle bombe che si "mescolavano con le preghiere degli imam nelle moschee che invitavano a tenere il morale alto". L'ospedale della città, Hikma, ha registrato almeno 10 morti e 26 feriti.

Nel frattempo, un'ora dopo l'inizio del lancio di razzi sulle postazioni ribelli, i gheddafiani hanno lanciato un imponente attacco di terra sulle postazioni occidentali, riuscendo ad avanzare per quasi tre chilometri verso l'interno a bordo di pick up e altri mezzi.

Secondo i ribelli, le forze di Gheddafi hanno patito numerose perdite: "Abbiamo sparato molto, ho visto almeno 70 corpi a terra", racconta un ribelle reduce dal fronte, che si trova a un paio di chilometri dal porto di Misurata.

Il contrattacco lanciato dai ribelli, riferisce ancora il quotidiano britannico, "ha avuto successo" ed ora questi hanno ripreso le proprie posizioni a Misurata.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.