Navigation

Libia: Salamè, tutti Paesi Onu aiutino su embargo armi

Ghassan Salame, inviato speciale dell'Onu per la Libia KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2020 - 15:46
(Keystone-ATS)

"Chiunque possa aiutare a controllare che l'embargo sulle armi in Libia sia rispettato è il benvenuto". Lo ha detto l'inviato speciale dell'Onu Ghassan Salamè in una conferenza stampa a Ginevra.

"Se lo facciano gli europei o altri, non è un mio problema", ha risposto a chi gli chiedeva un parere sulla decisione, presa ieri dai 27 a Bruxelles, di inviare un missione militare Ue per monitorare l'embargo.

Alcuni Paesi che alla conferenza di Berlino avevano preso l'impegno a rispettare l'embargo sulla vendita di armi alla Libia non lo hanno fatto, ha fatto notare l'inviato speciale. "Dal 19 gennaio ci sono state violazioni dell'embargo sulla vendita di armi alla Libia e sull'invio di mercenari".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.