TRIPOLI - La Libia ha protestato oggi ufficialmente con gli Stati Uniti per i commenti ironici di un portavoce del Dipartimento di Stato americano sull'appello di Muammar Gheddafi alla "guerra santa" contro la Svizzera.
Il Ministero degli esteri libico - ha riferito l'agenzia Jana - ha convocato l'incaricato d'affari dell'ambasciata statunitense a Tripoli, esigendo "spiegazioni e scuse" da parte di Washington e ipotizzando "ripercussioni negative sulle relazioni economiche e politiche tra i due paesi se non saranno prese misure".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.