Navigation

Libia: Unsmil, accordo su ripresa trattative cessate il fuoco

Khalifa Haftar è a capo del sedicente Esercito nazionale libico. KEYSTONE/EPA/YANNIS KOLESIDIS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 giugno 2020 - 12:03
(Keystone-ATS)

Le parti in conflitto in Libia, ovvero il governo di accordo nazionale, guidato dal Fayez al Sarraj e il sedicente Esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar, hanno concordato di riprendere i colloqui per giungere ad un cessate il fuoco nel Paese.

Lo ha reso noto la Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil) in una nota "affermando che il ritorno delle due parti al dialogo è una risposta al desiderio e alle chiamate della stragrande maggioranza dei libici che sono desiderosi di tornare a una vita sicura e dignitosa il più rapidamente possibile".

Dato che in Libia si combatte ancora, l'Unsmil auspica anche che la ripresa delle trattative possa portare a una tregua umanitaria, un passo importante nella direzione di un cessate il fuoco permanente, che permetterebbe alle autorità libiche di concentrarsi sulla lotta al coronavirus.

Unsmil non comunica tuttavia quando riprenderanno i colloqui, ma si limita a precisare che essi si svolgeranno in videoconferenza a causa dell'emergenza coronavirus.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.