Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KILCHBERG ZH - Lindt & Sprüngli di nuovo in crescita nel primo semestre: il produttore zurighese di cioccolato ha realizzato un giro d'affari di 1,06 miliardi di franchi, in aumento del 7,9% rispetto a un anno fa. L'utile netto è stato di 24,8 milioni di franchi, contro i "soli" 2,7 milioni registrati nello stesso periodo dello scorso anno, ha indicato oggi in una nota la società.
L'utile operativo EBIT è progredito a 33,9 milioni di franchi, contro gli 1,9 milioni realizzati nei primi sei mesi del 2009. L'aumento è del 40,7% se non si considerano gli oneri eccezionali di ristrutturazione. Questo miglioramento "è il frutto di misure di razionalizzazione e di aumento del rendimento attuate negli ultimi 18 mesi", si legge nel comunicato.
La maggior parte dei mercati del cioccolato ha fatto registrare una crescita moderata in valore, mentre a livello di volumi si è continuato a constatare una certa stagnazione, precisa Lindt & Sprüngli. L'aumento della domanda ha permesso di compensare la forte crescita del prezzo del cacao. In valute locali l'aumento del fatturato è stato del 9,2%.
Per l'esercizio in corso, nonostante gli eccellenti risultati semestrali che superano leggermente le previsioni di marzo, il gruppo continua a puntare su una crescita organica del fatturato del 5-7% e prevede un utile operativo Ebit compreso tra 300 e 340 milioni di franchi, contro i 264,8 milioni del 2009.
Secondo la direzione, il 2009, conclusosi con una forte contrazione dell'utile netto (193,1 milioni, -26,2% rispetto al 2008) è stato un "esercizio di transizione", in cui la crisi economica ha ridotto l'appetito dei consumatori. L'anno scorso è stato pure contrassegnato dalla fine della ristrutturazione avviata negli Stati Uniti, dove sono stati chiusi diversi negozi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS