Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Lo "schiaffo" all'UDC non è un assegno in bianco, secondo la stampa

La campagna del no ha prevalso nella votazione sull'iniziativa UDC sull'autodeterminazione.

KEYSTONE/ADRIEN PERRITAZ

(sda-ats)

"Schiaffo, fiasco, sculacciata", vero "imbarazzo", grave sconfitta: la stampa svizzera non lesina in metafore per descrivere la bocciatura dell'iniziativa UDC sull'autodeterminazione.

Ma il no popolare non deve essere interpretato come un "assegno in bianco" alle istituzioni e la questione dei rapporti fra diritto internazionale e nazionale si riproporrà anche in futuro. "Gli svizzeri sono stati benevoli, modesti e realistici", afferma Der Bund. E "non sono così stupidi da abboccare ad ogni esca", aggiunge il Blick. "Dal terremoto del febbraio 2014 e dalle sue conseguenze politiche, una certa Svizzera non intende più farsi cogliere di sorpresa dall'UDC", dice lematin.ch.

Eppure "lo scopo dell'iniziativa era del tutto legittimo: si concentrava sulla sovranità nazionale e sul suo rapporto con il diritto internazionale in un mondo globalizzato", sottolineano La Liberté, Le Nouvelliste e Arcinfo. Ma la "soluzione semplicistica dell'UDC mirava soprattutto a far applicare alla lettera le proprie iniziative, facendone una sorta di legislatore supremo", aggiunge Le Temps. Una forzatura che non è passata inosservata dall'elettorato, ha rilevato la NZZ.

Il rifiuto emerso ieri dalle urne non è però "un assegno in bianco", avvertono La Liberté e Luzerner Zeitung. Perché "ciò che gli svizzeri hanno votato domenica è un approccio pragmatico, negoziato su una base ad hoc il più vicino possibile agli interessi nazionali. Il voto non è in alcun modo una dichiarazione d'amore per un'Unione europea in piena crisi", riassume La Tribune de Genève.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.