Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio degli Stati potrà tornare ad occuparsi della spinosa questione dell'accesso dei lobbisti al Parlamento. Immagine d'archivio.

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Il Consiglio degli Stati potrà tornare ad occuparsi della spinosa questione dell'accesso dei lobbisti al Parlamento. La maggioranza della Commissione delle istituzioni politiche di questa Camera si è espressa a favore di una soluzione basata sul sistema attuale.

Secondo la proposta, i parlamentari devono poter continuare a far rilasciare due tessere di accesso di lunga durata, per famigliari, collaboratori personali o persone che rappresentano interessi. Il deputato dovrà però indicare a quale di queste tre categorie appartengono e, se si tratta di lobbisti, il nome del loro datore di lavoro.

I deputati continueranno a poter accogliere anche visitatori di giornata, che non potranno però muoversi all'interno di Palazzo federale senza essere accompagnati dal parlamentare che li ospita.

Una minoranza della commissione chiede invece che i rappresentanti di interessi operanti a livello commerciale non ottengano alcun accesso procurato da deputati, bensì lo ricevano esclusivamente con l'approvazione della Delegazione amministrativa. Un'altra vuole che i parlamentari non diano più alcuna tessera di accesso ai lobbisti. Questi dovrebbero registrarsi, ottenendo così l'accesso per una sessione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS