Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOCARNO - "Oggi c'è più libertà rispetto a una volta nel cinema in Cina. Io, fino al 2003, ero stato 'banditò, il pubblico del mio Paese non poteva vedere i miei film se non piratati". Lo ha detto il regista Jia Zhang-ke, Pardo d'onore Swisscom, premio che gli è stato consegnato ieri in Piazza Grande, parlando oggi al Festival internazionale del Film di Locarno, dove è arrivato con il suo ultimo film 'I Wish I Knew', già presentato a Cannes.
"Il cinema deve essere uno strumento per poter parlare - ha detto il regista, 40 anni, 10 film che lo hanno fatto considerare uno dei migliori giovani talenti del mondo - Io ho sempre continuato a girare, costi quel che costi. Non sono mai diventato un estremista, ho sempre cercato un dialogo, ma penso che non ci debbano essere politiche autoritarie nell'industria cinematografica e l'ho sempre pensato. Dal 2004 c'è stato un grande cambiamento: la Cina si è aperta al mercato. Il cinema non è stato più solo uno strumento di propaganda, ma per mantenere la memoria e ricordare la storia da una prospettiva piu umana".
"Il mio interesse - ha aggiunto - è verso le persone che provengono dalle province isolate delle campagne, come dallo Shanxi di cui sono originario. Per un certo periodo i film da noi non potevano che essere in mandarino, la lingua ufficiale. Ma per me era fondamentale fare usare ai miei attori il loro dialetto".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS