Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MILANO - Lo sviluppo delle grandi infrastrutture, autostradali e ferroviarie regionali e internazionali, ma anche il piano territoriale di Malpensa, il sostegno alle imprese e ai settori di eccellenza e i rapporti con il Canton Ticino, che non possono prescindere dal piano di sviluppo del territorio per una provincia come Varese. Sono alcuni dei progetti compresi nel piano regionale di sviluppo della nona legislatura della Giunta regionale lombarda, presentato oggi a Varese dall'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione, Raffaele Cattaneo.
"Sono molto convinto dell'importanza di questo modello che ho fortemente sostenuto e voluto fin dall'inizio -ha detto l'assessore Cattaneo- perchè sono convinto che la programmazione regionale è tanto migliore quanto più nasce dal basso. Il senso del lavoro di oggi non è espletare una formalità burocratica, ma confrontarci con le proposte del territorio. La Lombardia è un motore a 12 cilindri, tante quante sono le province della nostra regione e ciascuno deve dare il proprio contributo".
"Il territorio provinciale di Varese - ha evidenziato l'assessore Cattaneo - per la sua morfologia richiede politiche assai articolate. Inoltre, la sua prossimità alle grandi direttrici transnazionali lo costituisce come snodo nevralgico di un sistema di relazioni sovralocali, ruolo che verrà potenziato, anche nei suoi riferimenti internazionali e di area vasta, ad esito dell'imponente processo di infrastrutturazione programmato e in corso".
"Sotto il profilo infrastrutturale -ha commentato Cattaneo- saranno dunque decisivi la realizzazione dell'Autostrada Pedemontana e del collegamento ferroviario internazionale Arcisate-Stabio e il completamento del set di infrastrutture di connessione con Malpensa, oltre a una serie di interventi puntuali di rango urbano".
La priorità riservata ai grandi progetti infrastrutturali non impedisce però, secondo l'assessore "un'attenzione specifica da parte di Regione Lombardia anche alla mobilità sostenibile o 'dolcè, avviando azioni di connessione tra piste ciclabili, a partire da quelle esistenti o lungo il tracciato tra il Parco Campo dei Fiori e il Parco del Ticino, e il potenziamento del bike sharing".
Nell'ottica di potenziare le relazioni di area vasta, si punterà alla riorganizzazione del nodo ferroviario di Varese, al Piano Territoriale di Area Malpensa e alla progettazione del collegamento stradale Varese-Como-Lecco, oltre al rafforzamento delle relazioni con il Canton Ticino, le province limitrofe e le Comunità di lavoro di ispirazione territoriale.

SDA-ATS