Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Vacilla il primato di altezza dello Shard di Renzo Piano nella rinnovata skyline di Londra. Un'altra torre è all'orizzonte a Bishopgate, nella stessa area, e con i suoi 62 piani svetterà al di sopra di quello che per ora è l'edificio più alto dell'Unione europea.

Lo riporta l'edizione del week end del Financial Times. Il progetto ha avuto il via libera venerdì e i lavori dovrebbero essere completati entro il 2019. La nuova opera - che il Financial Times preannuncia come "un mostro" e che non ha ancora un nomignolo a differenza delle altre torri della metropoli britannica - costerà 1,3 miliardi di sterline e potrà ospitare fino a 12.000 persone.

La firma è quella di una donna, Karen Cook, della PLP Architects, con la collaborazione di Stuart Lipton e di Peter Rogers, fratello del più famoso Norman Rogers. Sorgerà sul sito di quello che avrebbe dovuto essere il Pinnacle, altro gigante della nuova Londra, la cui costruzione è però abortita negli anni della crisi.

Il record del colosso di Bishopgate non è del resto destinato a durare a lungo: il progetto di un edificio ancora più alto - un mega obelisco di cristallo, a quanto se ne sa - è stato infatti già affidato alla matita di Eric Perry.

Ma se a Londra le archistar spopolano, altrove patiscono qualche delusione, scrivono oggi vari giornali. È il caso di un'autentica celebrità internazionale del Regno Unito, la britannica-libanese Zaha Hadid, il cui ennesimo progetto in dimensione ciclopica, uno stadio ideato per le Olimpiadi di Tokyo 2020, è stato alla fine cestinato: al governo giapponese un conto da 2 miliardi di dollari, per una struttura dalla forma singolare paragonata da qualche critico a un enorme porta-sci, deve essere parso decisamente troppo esoso.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS