Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La premier britannica Theresa May.

KEYSTONE/AP PA/ANDREW MATTHEWS

(sda-ats)

Theresa May alza la voce sulla lotta al terrorismo, a due giorni dalle elezioni britanniche di giovedì, e si dichiara pronta a fare piazza pulita di certe leggi sulla tutela dei "diritti umani", se necessario, pur di imporre un giro di vite dopo le recenti falle.

Parlando di sicurezza durante un comizio a Slough, alla luce del recente attacco terroristico di Londra e di quelli dei mesi scorsi in Gran Bretagna, la premier conservatrice non ha indicato proposte di legge concrete, riferisce la Bbc, ma ha evocato fin da subito, se resterà a Downing Street, "pene detentive più lunghe per coloro che sono condannati per reati di terrorismo; deportazioni più facili per rimpatriare sospetti terroristi stranieri nei loro Paesi; più restrizioni sulla libertà e i movimenti dei sospetti terroristi" anche laddove "non ci siano abbastanza prove per perseguirli in tribunale". E infine ha detto che persino "le nostre leggi sui diritti umani saranno cambiate se ci ostacolano dal fare queste cose".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS