Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Agenti della scientifica stanno sgomberando il camioncino usato per l'attacco.

KEYSTONE/AP/FRANK AUGSTEIN

(sda-ats)

Un "lone wolf", un lupo solitario, disoccupato e con un passato di problemi mentali. Così il Times descrive Darren Osborne, il 47enne attentatore che ha lanciato un van contro la folla di fedeli alla moschea di Finsbury Park uccidendone uno e ferendone 11.

Viene così ricostruito il profilo dell'uomo che avrebbe maturato il suo odio per i musulmani di recente, dopo l'attacco islamista a London Bridge.

Era arrivato anche ad offendere il figlio 12enne del suo vicino di casa di origine asiatiche e la notte prima dell'attacco era stato buttato fuori da un pub per una discussione degenerata sugli immigrati.

La sua famiglia afferma che non è un terrorista e si dice sotto shock per quanto è accaduto. A parlare è stata la madre 72enne Christine, secondo cui Osborne è solo "un uomo con problemi". Mentre la sorella Nicola afferma che il fratello non ha alcuna affiliazione politica: "Conosce a malapena il nome del primo ministro, non l'ho mai sentito parlare contro i musulmani o dire qualcosa di razzista".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS