Navigation

Lottare contro gli sprechi per proteggere l'ambiente

Isabelle Chevalley, in prima fila nella lotta agli sprechi. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 maggio 2020 - 10:13
(Keystone-ATS)

Evitare lo spreco, come la distruzione di articoli nuovi da parte delle aziende produttrici, al fine di mitigare l'impatto sull'ambiente dell'economia.

Un tema che il Consiglio federale si dice pronto ad esaminare come chiede un postulato di Isabelle Chevalley (Verdi liberali/VD).

Attualmente, spiega la consigliera nazionale a giustificazione della sua richiesta che il governo raccomanda al plenum di accogliere, le aziende hanno la facoltà di distruggere i loro prodotti rimasti invenduti, come scarpe, profumi, elettrodomestici o altro. Un'assurdità ambientale, uno spreco, secondo la deputata vodese, di cui possiamo fare a meno senza alcuno sforzo.

L'esecutivo dovrà, nelle intenzioni di Chevalley, esaminare le misure per lottare contro la distruzione di prodotti nuovi da parte delle imprese.

La Francia, citata ad esempio dalla consigliera nazionale, "ha vietato per principio la distruzione (incenerimento e conferimento in discarica) di prodotti non alimentari nuovi invenduti come vestiti, scarpe, cosmetici, libri o elettrodomestici. La Germania sta esaminando una legge sulla trasparenza relativa alle quantità di merci invendute e all'obbligo di dichiarazione da parte dei fabbricanti.

Mentre il Consiglio federale si dice disposto a studiare il problema, la Commissione dell'ambiente del Consiglio nazionale non vuole attendere oltre: intende infatti presentare un'iniziativa parlamentare volta a rafforzare l'economia circolare per ridurre l'impatto ambientale dell'economia.

L'iniziativa chiede la modifica della legge sulla protezione dell'ambiente allo scopo di istituire condizioni quadro per ottenere un miglioramento duraturo dell'uso efficiente delle risorse. Nelle intenzioni della commissione, la Confederazione e i Cantoni dovranno collaborare più strettamente con l'economia, la scienza e la società al fine di promuovere l'utilizzo di materiali riciclabili.

Una parte della Commissione si oppone tuttavia a questa richiesta. Teme infatti gravi conseguenze in termini di costi che non si può pretendere vengano assunti dalla popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.