Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia cantonale lucernese ha fermato due persone per il ferimento di un 20enne eritreo avvenuto ieri presso una clinica psichiatrica a St. Urban, nel comune di Pfaffnau (LU). È stata sequestrata anche l'arma da cui - per ragioni ancora da accertare - è partito il colpo.

In una nota diramata oggi, la Procura pubblica lucernese rileva che non è stato uno sconosciuto a sparare, come era stato indicato in un primo tempo, ma qualcuno di un gruppo di cinque persone che si conoscono fra loro e di cui faceva parte lo stesso 20enne africano, tuttora ricoverato in ospedale.

Il giovane è rimasto ferito ieri poco dopo le 14.00 nel parcheggio della clinica psichiatrica che si trova nel complesso dell'ex abbazia cistercense di St. Urban. Il motivo dello sparo non è ancora stato chiarito, ha detto all'ats Simon Kopp, portavoce della Procura. La polizia sta interrogando le persone del gruppo di cui l'africano faceva parte. Due sono tuttora in stato di fermo. Una delle persone interrogate è un paziente della clinica, ha precisato Kopp.

Secondo quanto era stato indicato ieri, lo sparatore è scappato a bordo di un'automobile in compagnia di altre persone, in direzione del vicino canton Berna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS