Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si è conclusa senza alcun risultato concreto la riunione odierna a Skopje fra i leader dei quattro principali partiti politici.

Si trattava di un tentativo sollecitato dai rappresentanti della comunità internazionale per favorire l'avvio di un dialogo che porti al superamento della profonda crisi politica in Macedonia. Una nuova riunione è stata concordata per lunedì.

In apertura di riunione è stata diffusa una breve dichiarazione comune nella quale si esprime appoggio ai valori democratici, compreso il diritto alla protesta pacifica, e si condanna ogni forma di violenza, a fini sia politici che criminali.

All'incontro hanno partecipato il premier conservatore Nikola Gruevski, leader del partito di governo Vmro-Dpmne, il capo del partito socialdemocratico (Sdsm) all'opposizione Zoran Zaev, Ali Ahmeti del partito della minoranza Albanese (Dui) che fa parte del governo, e Menduh Thaci dell'altra formazione della minoranza albanese (Dpa) schierata all'opposizione. Erano presenti l'ambasciatore americano a Skopje Jess Bayle e il rappresentante dell'Unione europea (Ue) in Macedonia Aivo Orav.

Anche questa sera, come da diversi giorni, nel centro di Skopje si è svolta una manifestazione antigovernativa per chiedere le dimissioni del premier Gruevski, accusato dello scandalo delle intercettazioni. Un grande raduno dell'opposizione è previsto per domenica a Skopje.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS