Tutte le notizie in breve

Gli scontri fra manifestanti ieri a Caracas.

KEYSTONE/EPA EFE/CRISTIAN HERNANDEZ

(sda-ats)

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha detto che "ancora una volta a Caracas ha vinto la pace", dopo la violenta repressione ieri della manifestazione di protesta dell'opposizione nella capitale.

In un discorso televisivo, Maduro ha spiegato che gli Stati Uniti avevano dato l'ordine "alla destra fascista e sconfitta di scatenare un bagno di sangue e violenza in piazza", ma sono stati sconfitti "dal popolo, dall'unione civico-militare".

"Sono molto felice: il Venezuela è in pace e i venezuelani stanno costruendo una società socialista, e non dobbiamo lasciarci distrarre da quello che fanno quattro oligarchi traditori della patria", ha sottolineato il capo di Stato.

Maduro ha ripetuto i suoi attacchi contro il segretario dell'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), Luis Almagro, tuonando che finirà "bruciato come un traditore" per aver permesso che "una minoranza di governi degni dell'Inquisizione, estremisti ed intolleranti della destra latinoamericana" si permettano di "giudicare e condannare il nostro Paese senza nemmeno garantirci il diritto alla difesa".

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve