Navigation

Mai così pessimiste le imprese italiane

Il sole è basso sull'orizzonte e le ombre sono lunghe, non solo a Rimini. KEYSTONE/EPA/MAX CAVALLARI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2020 - 13:00
(Keystone-ATS)

Imprese italiane mai così pessimiste: l'indice di fiducia in maggio si è attestato a 51,1, il valore minimo dall'inizio della serie storica, afferma l'Istituto nazionale di statistica (Istat).

L'indicatore, che misura l'umore del tessuto produttivo italiano, subisce un quasi dimezzamento rispetto ai livelli pre-Covid: tra gennaio e febbraio l'asticella si collocava oltre un valore pari a 99. Nel dicembre scorso faceva ancora meglio, sopra quota 100.

Già in marzo il calo era stato brusco, a 79,5. Il morale non ha fatto che abbassarsi, quindi. Non si sa però cosa sia accaduto in aprile perché l'Istat, proprio a causa delle difficoltà connesse all'emergenza sanitaria, ha dovuto sospendere l'indagine.

Lo stesso istituto ha reso noto oggi anche l'indice del clima di fiducia dei consumatori, che si attesta 94,3: è il livello più basso da dicembre 2013. Le preoccupazioni delle famiglie sembrano più che altro concentrate sulla situazione presente e sul contesto generale. Tengono meglio gli umori riferiti a quel che accadrà nei prossimi mesi e a ciò che attiene alla sfera individuale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.