Navigation

Malattia: il 23% ha cambiato assicurazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 agosto 2011 - 11:55
(Keystone-ATS)

L'anno scorso, in Svizzera il 23% degli assicurati ha cambiato cassa malattia. La maggior parte lo ha fatto con l'intenzione di risparmiare sul premio. Anche la qualità delle prestazioni appare fondamentale nel determinare se restare fedeli o meno al proprio assicuratore. È quanto risulta da un sondaggio su 3200 persone effettuato recentemente dal portale di confronto bonus.ch.

Gli assicurati si mostrano quindi per la maggior parte fedeli alla propria cassa malattia. Infatti, passare ad un nuovo assicuratore non è l'unico modo di risparmiare: sul premio influisce anche il modello assicurativo e la scelta della franchigia. Secondo i dati di bonus.ch, però, solo pochi assicurati sono in grado di ottimizzare questo tipo di parametri: il 35% dei partecipanti al sondaggio non ha neppure calcolato quale sarebbe la franchigia più adatta in funzione delle sue spese mediche, e la nozione stessa di franchigia ottimale è risultata sconosciuta al 17% degli interrogati.

Soltanto il 13% del campione ha cambiato modello assicurativo l'anno scorso, e il 40% di loro afferma che ciò ha consentito di ridurre le spese. Il modello "medico di famiglia" è stato scelto dal 42,2% degli interrogati. Tra gli altri modelli, primeggia l'HMO, mentre i modelli "TelMed" e "PPO-Light" sembrano essere in lieve calo.

Fra coloro che hanno cambiato cassa malattia per quest'anno l'80% afferma di aver potuto risparmiare sul premio. Per il 40% delle famiglie il risparmio effettivo si situa tra i 500 e i 1000 franchi, e per il 13% è superiore ai 1000 franchi. Il 4,5% degli interrogati ha potuto risparmiare più di 2000 franchi cambiando assicuratore.

La cassa EGK Laufen è stata quella che ha registrato il più forte aumento del numero di assicurati (82%) all'inizio del 2011. Secondo bonus.ch è un risultato che non sorprende vista la convenienza dei premi proposti da questo assicuratore nella maggior parte dei cantoni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?