Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo stato di emergenza decretato per 30 giorni mercoledì scorso nelle Maldive per l'esistenza di forti tensioni nell'ordine pubblico è stato revocato oggi pomeriggio con effetto immediato.

Il procuratore generale Mohamed Anil ha letto un comunicato in cui il presidente prende atto che secondo le forze di sicurezza nazionale la situazione nell'arcipelago "è tornata sotto controllo".

La misura di emergenza era stata introdotta per decisione del presidente Abdulla Yameen al termine di un mese turbolento cominciato con una esplosione a bordo del motoscafo con cui il capo dello Stato stava facendo ritorno a Malé.

L'inchiesta aperta sull'incidente, in cui sono rimasti feriti la 'first lady' e due agenti della sicurezza ma non Yameen, ha portato a vari arresti, all'esonero del ministro della difesa e all'arresto il 24 ottobre con l'accusa di alto tradimento del vicepresidente Ahmed Adheeb.

Dopo la scoperta all'inizio della scorsa settimana di un arsenale bellico nella capitale, il governo ha decretato lo stato di emergenza per 30 giorni, una misura tuttavia vivamente criticata da molti Paesi e organizzazioni internazionali, fra cui Usa, Ue e Commonwealth.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS