Navigation

Mali: 26 morti in attacco a villaggio, violenze etniche

Soldati maliani (archivio) KEYSTONE/EPA/TANYA BINDRA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2020 - 15:35
(Keystone-ATS)

Almeno 26 persone, fra cui due donne e una bambina di nove anni, sono stati uccisi in un attacco a un villaggio di etnia Fulani nel centro del Mali.

Un attacco che ha radici nella violenza interetnica che affligge il travagliato Paese del Sahel, dove spesso le divisioni tribali si assumono le forme della violenza jihadista.

La notizia è stata data da un'associazione Fulani, che non ha specificato chi sia stato l'autore dell'attacco, avvenuto in un villaggio di nome Binedama, nella regione centrale di Mopti, un mosaico di etnie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.